Windows Phone Italy Hi-Tech Italy Mamme Domani inGame Sport 24 Ore Android Italy inGusto inDonna inApple

inApple

  • Amministrazione
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

In Rilievo

Messagg LogoiMessage: ecco come inviare SMS gratuiti da e verso iPhone, iPad, iPod touch e Mac utilizzando il servizio di Apple 

iOS 6Tutto su iOS e OS X. I nostri speciali sui due sistemi operativi Apple per iDevice e Computer

In Video


Non perdete la nostra Recensione dell'iPhone 5
Come scegliere il proprio iPad
iPad Particolare

Guida all'acquisto per iPad, per scegliere tra iPad 2, Nuovo iPad, iPad con display Retina e iPad Mini.
AddThis Social Bookmark Button
Home Articoli Speciali Cos'è iOS? Storia del sistema operativo per iPhone, iPad e iPod touch


Cos'è iOS? Storia del sistema operativo per iPhone, iPad e iPod touch

E-mail Stampa PDF
apple_loghinoIn un precedente articolo abbiamo analizzato Mac OS X, il sistema operativo realizzato da Apple per i suoi computer; in questo speciale parleremo invece di iOS, il software di base funzionante sugli iDevice: iPhone, iPad, iPod Touch e Apple TV.

La parentela tra iOS e OS X è visibile anche a occhio nudo, ma i legami più intimi sono ben più forti di quanto non possa sembrare. Vediamoli insieme.

Speciale_iOS_0001
Interfaccia multi-touch
La prima caratteristica che colpisce chi acquista un dispositivo iOS è l'assenza di un manuale cartaceo; il significato di tale mancanza deriva dalla semplicità con cui si utilizza l'interfaccia "multi touch" di iOS.

La possibilità di "toccare" direttamente un'icona e interagire con essa realizzando dei "gesti" con le dita delle mani, proprio come si farebbe con un oggetto reale, fa sì che anche i più avversi al mondo del computer si trovino a proprio agio. Se si vuol ruotare un'immagine, perché non provare a farlo così come si farebbe con una foto cartacea? Oppure perché non provare ad ingrandirla semplicemente stirando gli spigoli con le dita? Con iOS è più facile compiere le attività che non descriverle a parole!

Le interfacce touch esistevano anche prima di iOS ma erano più limitate e, non raramente, poco precise. Solitamente l'unica interazione possibile era il singolo tocco (per esempio la pressione di un pulsante su schermo) o al massimo il trascinamento di un oggetto, un po' ciò che è possibile effettuare normalmente con il mouse. iOS ha invece introdotto il concetto di multi touch che consente un tipo di interazione molto più evoluta ed elaborata ma contemporaneamente più semplice da concettualizzare per l'utente.

Siri
Quando si parla di interfaccia utente non si può non parlare di Siri, la realizzazione, in stile Apple, di un perfetto assistente personale "intelligente" e discreto, che ascolta le nostre richieste e, quando possibile, le esaudisce. Se vogliamo impostare una sveglia per il giorno dopo, se abbiamo bisogno di ricordare un impegno o un promemoria, se vogliamo inviare un'email o un SMS, o fare una ricerca su Internet, Siri sarà sempre pronto ad aiutarci senza dover fare altro che formulare la nostra richiesta nel nostro linguaggio naturale.

Speciale_iOS_0003
Ma non è solo utile per il lato più serioso della nostra vita: ci viene incontro anche quando vogliamo andare al cinema e non conosciamo la programmazione degli spettacoli o se dobbiamo uscire di casa e non sappiamo se è il caso o meno di prendere l'ombrello; Siri si informerà per noi attraverso la Rete e ci consiglierà sul da farsi.

Siri è di grande aiuto anche a chi non è un bravo dattilografo e preferisce dettare i propri messaggi o le proprie annotazioni piuttosto che scriverle direttamente sulla tastiera. L'integrazione di questa funzionalità è a livello di sistema operativo, pertanto la dettatura è disponibile in qualsiasi app.

Le app di base
Tutti gli iDevice vengono forniti di una serie di app che ne consentono un utilizzo immediato senza dover scaricare o acquistare altro software. Questi software sono generalmente abbastanza semplici ma completi ed hanno il vantaggio di essere pienamente compatibili con iCloud (per il backup nella nuvola di Apple, per la sincronizzazione dei dati con altri iDevice e con i computer) e con Siri.

Il calendario, i promemoria, le note, i contatti, la posta elettronica, il browser web, i messaggi, sono alcune delle funzionalità implementate per le quali non è necessario ricercare ulteriori soluzioni; per i palati più raffinati ed esigenti si può comunque far ricorso alle risorse offerte dall'App Store nel quale è possibile cercare tra le più di 700.000 app presenti quella che meglio soddisfa le proprie esigenze.

Speciale_iOS_0005
Tra i software di base presenti non si può non parlare di Mappe, la soluzione per la consultazione delle cartine e la navigazione turn by turn sviluppato da Apple e dotato di una grafica 3d strepitosa. Sarà sempre Siri che con la sua voce ci dirà prontamente quale strada è meglio imboccare per arrivare alla nostra destinazione.

Speciale_iOS_0002
Sono degne di menzione anche FaceTime e Messaggi, la prima per effettuare video chiamate verso altri dispositivi Apple (computer inclusi) sfruttando la connessione dati e non quella telefonica; la seconda per l'invio di SMS/MMS: quando questa identifica nel destinatario un utente dotato di account iCloud, i messaggi utilizzeranno la connessione dati e non la normale messaggistica, con il vantaggio di poter inviare elementi multimediali senza intaccare il proprio credito telefonico (come avverrebbe nel caso di MMS).

Nel profondo di iOS
iOS, inizialmente noto come iPhone OS, deriva da OS X. Come OS X è un sistema operativo Unix (sinonimo di sicurezza e stabilità, caratteristiche fondamentali per uno smartphone) e usa un microkernel XNU Mach basato su Darwin OS.

La sua nascita, avvenuta da una costola di OS X, è conseguente allo sviluppo dell'iPhone ed è stato poi utilizzato sui dispositivi portatili dotati di touch screen della Apple.

È ottimizzato per i dispositivi su cui viene fatto girare, tanto che difficilmente capiterà di vedere blocchi, malfunzionamenti, comportamenti strani o rallentamenti nella risposta dell'interfaccia: tutto è pensato e sviluppato per funzionare perfettamente in sinergia all'hardware.

Una delle caratteristiche che lo distingue dai sistemi operativi similari, funzionanti su dispositivi di altre case, è la "chiusura" nei confronti delle applicazioni che è possibile installare. Infatti (a meno che non si ricorra a sistemi di sblocco comunque non supportati da Apple) possono essere utilizzate solo le app presenti nell'App Store, quelle che la Apple stessa ha certificato dopo un'attenta analisi.

Se da un lato questo aspetto può essere visto come una limitazione nella libertà di utilizzare un software non certificato da Apple, da un altro lato offre invece diversi vantaggi. Tutti gli sviluppatori hanno infatti a disposizione una vetrina ed un negozio, diffusi a livello mondiale, in cui vendere le proprie creazioni, cosa che altrimenti sarebbe molto difficile per gli sviluppatori che non dispongono di grosse risorse economiche.

Anche gli utenti sono avvantaggiati da questo sistema chiuso se si considera che tutte le applicazioni che si scaricano (gratuitamente o a pagamento) sono certificate per qualità e per l’assenza di virus e malware in generale, problema non di poca importanza se si considera il volume di informazioni importanti custodite nello smartphone (email, messaggi, appuntamenti, indirizzi e numeri di telefono, password, numeri di conto corrente…).

Storia e versioni
Il 29 giugno del 2007 veniva messo in commercio il primo modello di iPhone, funzionante con quello che veniva definito ancora OS X. Da subito si nota che l'attenzione principale era riposta nello sviluppo di un'interfaccia innovativa, semplice e immediata da usare anche senza un manuale di istruzioni e soprattutto senza l’utilizzo di uno stilo.

Questo si evince anche dalla carenza, inizialmente, di funzionalità di base ritenute fondamentali anche per i cellulari più semplici: mancava ad esempio la possibilità di effettuare le oramai consuete operazioni di taglia e incolla, così come era impossibile eseguire più applicazioni contemporaneamente (multitasking). Un'altra grossa mancanza era l'impossibilità di sviluppare applicazioni native, anche se si potevano eseguire semplici web app.

Nel giugno dell'anno successivo, veniva, finalmente, rilasciato il primo SDK per gli sviluppatori, cosa che aprirà la strada ad una delle caratteristiche più apprezzate nel mondo di iOS: la presenza di centinaia di migliaia di applicazioni per qualsiasi tipo di attività.

A breve distanza di tempo vedeva la luce il nuovo iPhone, denominato "3G" e il nuovo sistema operativo, l'iPhone OS versione 2.0, dotato di App Store e la conseguente possibilità di installare app di terze parti.

L'iPhone OS 3.0 nasceva il giugno del 2009, accompagnato all'iPhone 3GS, una versione potenziata del modello 3G. Grazie a questo nuovo software di base era finalmente possibile effettuare il "copia e incolla" e gestire gli MMS.

Poco meno di un anno dopo (aprile 2010) veniva messo in commercio il primo iPad, dotato di una versione custom del sistema operativo e, dopo qualche mese (giugno) nasceva anche l'iPhone 4 dotato della nuova versione di iOS (da questo punto in poi ribattezzato così), la 4.0. Grazie a questa, anche le app di terze parti potevano sfruttare il multitasking anche se sempre secondo le regole di Apple, stabilite al fine di non degradare l'autonomia della batteria. Importante anche l'introduzione di FaceTime e di iBooks. La versione 4.2.1 del s.o. sarà la prima ad essere utilizzata contemporaneamente su tutti gli iDevice.

Speciale_iOS_0004
iOS 5, presentato nel giugno del 2011 al WWDC, introduceva la sincronizzazione wireless con iTunes, l'integrazione con il servizio iCloud di Apple, un nuovo sistema di notifiche e l'assistente vocale Siri (ma in versione beta e non compatibile con l'italiano).

iOS 6, la versione attualmente più recente, è stato rilasciato nel 2012 e migliora l'integrazione con iCloud, introduce una nuova app per le mappe (inizialmente con risultati non proprio positivi), e migliora Siri, finalmente rendendolo compatibile con l'italiano.
AddThis Social Bookmark Button


 
Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su Pinterest
inApple RSS 

Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
inApple:

Delivered by FeedBurner

BANNER HI-FUN

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information