Windows Phone Italy Hi-Tech Italy Mamme Domani inGame Sport 24 Ore Android Italy inGusto inDonna inApple

inApple

  • Amministrazione
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

In Rilievo

Messagg LogoiMessage: ecco come inviare SMS gratuiti da e verso iPhone, iPad, iPod touch e Mac utilizzando il servizio di Apple 

iOS 6Tutto su iOS e OS X. I nostri speciali sui due sistemi operativi Apple per iDevice e Computer

In Video


Non perdete la nostra Recensione dell'iPhone 5
Come installare il jailbreak Evasi0n

Uscito il tanto atteso Jailbreak Evasi0n. Ecco come sbloccare il proprio iDevice
AddThis Social Bookmark Button
Home Articoli Speciali Cos'è Mac OS X? Storia del sistema operativo per computer Apple


Cos'è Mac OS X? Storia del sistema operativo per computer Apple

E-mail Stampa PDF
apple_loghinoSeguendo l'esempio dei nostri siti gemelli Android Italy e Windows Phone Italy abbiamo realizzato questo speciale su Mac OS X, il sistema operativo che attualmente Apple utilizza sulla sua linea di computer; anche questo sistema operativo, come tutti i software complessi, non è nato così come lo si conosce oggi ma si è evoluto in undici lunghi anni di sviluppo a partire dalla sua prima versione pubblica.

Vediamo insieme i diversi sistemi operativi per Mac che si sono susseguiti per oltre un decennio, con tutto quello che ruota intorno alla creazione e alla varie implementazioni di questo sistema operativo ripercorrendo tutte le principali fasi che ne costituiscono la lunga storia.

Mac OS XMac OS X è il sistema operativo utilizzato sui computer prodotti da Apple

Cosa è un sistema operativo
Il sistema operativo è il software di base necessario per l'utilizzo del computer e fornisce alle applicazioni un'interfaccia uniforme per l'interazione con il sottostante hardware.

I suoi compiti più importanti consistono nello svolgere quelle attività fondamentali come la gestione delle risorse di calcolo (CPU) e di memorizzazione (RAM) e l'interfacciamento con le periferiche (hard disk, pendrive, stampanti, scanner, fotocamere…). Consente l'esecuzione delle attività in parallelo (il multitasking), la distribuzione della memoria e delle risorse tra i diversi applicativi correntemente in esecuzione senza che mai questi entrino in conflitto, la comunicazione con le periferiche e, altra funzione assai importante, implementa l'interfaccia che l'utente usa per l'interazione con il computer. Quest'ultima, secondo gli standard moderni, deve essere gradevole da vedere e da usare, pratica, funzionale, e mai di intralcio all'utente.

Il sistema operativo si pone anche come base per lo sviluppo dei software in quanto, generalmente, fornisce al programmatore tutta una serie di funzionalità preconfezionate che possono essere sfruttate senza la necessità di riscriverle per ciascun programma da zero. Ad esempio, tutto ciò che concerne l'interfaccia grafica (pulsanti, barre di scorrimento, box di testo…), la gestione dei file e, in generale delle risorse del computer, deve poter essere accessibile attraverso funzioni di libreria facilmente utilizzabili e ben documentate.

Generalmente un sistema operativo viene distribuito contornato da tutta una serie di applicazioni di base che consentono lo svolgimento di semplici ma fondamentali attività. Oltre alle utilità di basso livello, accessibili mediante riga di comando, di solito vengono forniti i software per la gestione della posta elettronica, il browser per il World Wide Web, un visualizzatore per i file di tipo più comune e qualche editor di testo e di immagini.

Mac OS X
Mac OS X è il sistema operativo desktop basato su UNIX più usato al mondo e, dalla versione 10.5, è certificato da The Open Group come conforme allo standard UNIX 03. Di base è dotato di tutte le più comuni utilità e shell UNIX (che consentono agli utenti più evoluti di utilizzare il computer attraverso la riga di comando), di tutti i più diffusi linguaggi di scripting come Perl, PHP, tcl, Ruby e Python (che consentono di automatizzare le operazioni più ricorrenti o sviluppare vere e proprie applicazioni) e del X Window System, il sistema per la gestione delle finestre necessario per l'utilizzo di applicazioni grafiche in ambito Unix.

Il suo nucleo, sviluppato da Apple a partire dal kernel XNU e dal sistema operativo FreeBSD, si chiama Darwin OS ed è distribuito gratuitamente secondo le leggi dell'open source. Grazie al suo "cuore" UNIX è possibile utilizzare, previa ricompilazione, la maggior parte delle applicazioni scritte per altri sistemi operativi (di famiglia UNIX) come Linux.

Mac OS X non è invece open source in quanto alcune librerie e l'interfaccia grafica sono software proprietario il cui codice sorgente non viene distribuito gratuitamente.

Apple Macintosh
Il Macintosh è il computer che ha rivoluzionato l'approccio all'informatica

La storia: Mac OS
Nel 1984 l'azienda Apple ha prodotto un computer, il Macintosh, che ha stravolto l'approccio all'informatica. In questi anni per poter utilizzare i computer normalmente utilizzati negli uffici era necessario conoscere alcune nozioni non proprio banali nonché ricordare a memoria il formato dei comandi testuali che andavano digitati sulla tastiera.

Anche i programmi erano spesso limitati alla modalità carattere, cosa che ad esempio impediva di vedere su schermo la formattazione del testo o le immagini. Tutto ciò non faceva che rendere l'approccio all'informatica una pratica ostica e solo per pochi adepti.

Xerox AltoXerox Alto: il primo computer ad avere un'interfaccia grafica con finestre e mouse

L'idea alla base dello sviluppo del Mac, nata anche grazie alla "libera ispirazione" a Xerox Alto, il primo computer in assoluto ad avere un interfaccia grafica a finestre, era quella di creare una macchina utilizzabile da tutti, semplice da utilizzare grazie all'uso estensivo della grafica, del mouse come dispositivo di puntamento e interazione.

Dopo diversi anni di studi e di sviluppo venne creato il Macintosh e il suo sistema operativo innovativo che introduceva la metafora della "scrivania elettronica" come interfaccia utente più evoluta e semplice da utilizzare rispetto alla riga di comando.

Il concetto fondamentale consisteva nel permettere all'utente di interagire con file e directory così come si farebbe nella realtà con documenti e cartelle.

Max OS 7.6
 
Mac OS 7.6: l'interfaccia grafica e il sistema operativo in generale si sono evoluti nel tempo. 

Negli anni seguenti si lavorò strenuamente per migliorarlo e introdurre nuove funzionalità come la gestione gerarchica dei file e delle cartelle o, soprattutto, la possibilità di eseguire più programmi contemporaneamente (multitasking).

NeXT Step
Nel 1985, Steve Jobs, uno dei due fondatori della Apple, venne allontanato dalla società. Decise allora di lanciarsi in un nuovo progetto insieme a cinque ex dipendenti Apple.

L'idea era quella di creare il perfetto computer per le ricerche universitarie caratterizzato da semplicità di utilizzo, core UNIX (sistema operativo onnipresente negli ambienti scientifici), potenza di elaborazione e grafica evoluta. Venne fondata così la startup NeXT Computer.

Dopo tre anni di lavoro e altissimi investimenti, venne presentato il "NeXT cube", una potentissima workstation che utilizzava un nuovo sistema operativo chiamato NeXTStep.

NeXTStep
NeXTStep è il sistema operativo da cui si è partiti per lo sviluppo di Mac OS X

Tra le caratteristiche di spicco vi erano il robusto kernel Mach 2.0 con ambiente Unix BSD 4.3, l'interfaccia grafica basata su Display PostScript, un ambiente di sviluppo integrato con cui era possibile realizzare applicazioni evolute in pochi passi grazie anche all'uso di Objective C, un potente linguaggio di programmazione orientato agli oggetti ispirato a Smalltalk.

Grazie a questo, nel 1990, dopo pochi mesi di sviluppo, vedeva la luce il primo browser per il World Wide Web, realizzato proprio su una workstation NeXT; passando a software per alcuni versi meno "seri", si può ricordare che l'editor di livelli di Doom e anche i giochi Doom e Quake furono sviluppati su NeXTStep e poi portati su tutte le altre piattaforme.

Nonostante le ottime qualità dei computer, nel 1993 lo sviluppo hardware venne abbandonato per concentrarsi unicamente sullo sviluppo di NeXTStep per PC con processori Intel e su OpenStep, un ambiente grafico e una collezione di librerie funzionante su alcuni sistemi operativi (SunOS, HP-UX e Windows NT).

Nel 1997 la NeXT venne acquistata dalla Apple proprio per poter usare il suo sistema operativo per i nuovi Macintosh.

Mac OS X
Dopo vari anni di sviluppo la Apple si ritrova per le mani un sistema operativo oramai strutturalmente limitato e dotato di un'interfaccia grafica obsoleta. Per questo motivo all'inizio del 1997 acquista la NeXT e la sua tecnologia e inizia subito a lavorare a Rhapsody, ciò che poi diventerà Mac OS X. Un punto fermo è che comunque le applicazioni scritte per OS 9 dovranno continuare a funzionare anche per alcuni anni a venire.

La prima versione che vede la luce, nel 1999, è quella dedicata ai server ed è ancora dotata della vecchia interfaccia grafica. Nel settembre dell'anno seguente viene invece resa pubblica la prima versione Beta del sistema operativo per i computer desktop, e sebbene instabile e pessima in quanto a prestazioni, era comunque una buona dimostrazione di quelle che sarebbero state alcune tecnologie basilari per il futuro Mac OS X come ad esempio l'interfaccia Aqua. Il 24 Marzo del 2001 nasce la prima versione finale di Mac OS X 10.0.

Mac OS X 10.0 Cheetah
Mac OS X, agli esordi, sebbene dotato di tecnologie evolutissime (core UNIX, multitasking prelativo, protezione della memoria…) era comunque lento e poco stabile e, per questo, poco apprezzato dagli utenti che comunque preferivano contare sul vecchio sistema operativo, robusto, molto stabile e altrettanto evoluto.

Mac OS X 10.1 Puma
Sei mesi dopo, nel settembre del 2001, viene rilasciata una nuova versione di Mac OS X: Puma. Le migliorie in fatto di prestazioni e l'aggiunta di funzionalità effettivamente mancanti, come un'applicazione per la riproduzione di DVD iniziarono a rendere il nuovo sistema operativo una alternativa valida al vecchio OS 9.

All'inizio dell'anno successivo Apple annuncia che il ruolo di sistema operativo ufficiale era stato assegnato a OS X.

Mac OS X 10.2 Jaguar
Jaguar viene rilasciato nell'Agosto del 2002. Tra le novità un netto miglioramento in fatto di prestazioni e numerosi miglioramenti nell'interfaccia grafica. Da menzionare anche lo sviluppo di Quartz Extreme che in presenza di schede video supportate consente un netto miglioramento delle prestazioni grafiche.

Per la prima volta viene incluso anche iChat, il client ufficiale di Apple per la messaggistica istantanea.

Jaguar
Mac OS X 10.2 Jaguar

Mac OS X 10.3 Panther
L'anno seguente, nel mese di ottobre vede la luce Panther. I miglioramenti in fatto di prestazioni sono evidenti anche in questo caso.

Importanti novità anche nell'interfaccia utente, l'introduzione del cambio utente rapido, di Exposè che consente di gestire un grande numero di finestre con facilità, FileVault per la crittazione dei propri dati privati, e iChat AV che introduce la possibilità di fare video chiamate.

Panther
Mac OS X 10.3 Panther

Mac OS X 10.4 Tiger
L'Aprile del 2005 vede la nascita di Tiger. In questa versione sono state introdotte diverse novità: Spotlight per la ricerca immediata di file, cartelle e programmi, Dashboard per la gestione e l'uso di piccoli applicativi di utilità, le cartelle smart il cui contenuto viene aggiornato automaticamente secondo criteri impostati dall'utente, Automator per l'automazione di attività ricorrenti, VoiceOver e le nuove libreria Core Image e Core Video.

Mac OS X 10.5 Leopard
Nell'ottobre del 2007 Apple rilascia ciò che definisce il più grande aggiornamento di OS X con più di 300 migliorie. Tra le novità troviamo un'interfaccia grafica migliorata e dall'aspetto differente e più moderno, un Finder aggiornato, Time Machine per il backup automatico dei dati, Spaces per avere più desktop virtuali, Boot Camp per l'avvio di altri sistemi operativi e il supporto per le applicazioni a 64 bit.

Leopard è il primo sistema operativo basato su BSD a ricevere la certificazione UNIX 03. Le applicazioni scritte per il vecchio OS 9 non sono ora più avviabili in quanto OS X non supporta più l'ambiente Classic necessario.

Leopard
Mac OS X 10.5 Leopard

Mac OS X 10.6 Snow Leopard
L'agosto del 2009 vede il rilascio di Snow Leopard, una versione di Leopard migliorata nelle prestazioni e nella stabilità. I miglioramenti sono meno "estetici" rispetto alle altre versioni ma si concretizzano nel nuovo Finder, riscritto in Cocoa, un Time Machine decisamente più rapido nei backup ed altre migliorie.

Il supporto ai 64 bit consente di accedere e gestire un quantitativo di RAM decisamente superiore mentre l'implementazione di Grand Central Dispatch consente al sistema operativo e alle applicazioni che ne fanno uso la possibilità di sfruttare meglio i processori multi-core. OpenCL consente di migliorare le applicazioni di calcolo utilizzando il processore grafico per eseguire elaborazioni intensive liberando così la CPU di parte del lavoro.

Questa versione di OS X introduce anche il supporto al Mac App Store, il negozio digitale online di Apple che consente l'acquisto di software direttamente dalla propria postazione.

Mac OS X 10.7 Lion
Il nuovo OS X 10.7 viene rilasciato nel luglio del 2011. Con questa versione non è più possibile utilizzare applicazioni scritte per processori PowerPC (fino a questo momento utilizzabili grazie ad un emulatore).

Tra le novità degne di nota vi sono Launchpad che consente di avere tutte le applicazioni installate a portata di mano (assimilabile alla home di iOS), le barre di scorrimento che, a scelta dell'utente, possono diventare invisibili a parte quando sono necessarie, e Mission Control, un sistema che unifica Exposè, Spaces, Dashboard e le applicazioni a schermo intero.

Altra novità degna di nota è che le applicazioni ora memorizzano il proprio stato così che quando le si riapre queste appaiono esattamente come l'ultima volta che le si è usate; sfruttando questa tecnologia, quando il sistema operativo viene avviato, ripristina automaticamente lo stato di quando è stato utilizzato l'ultima volta, applicazioni aperta comprese. Anche i documenti vengono registrati automaticamente e, in caso di modifiche erronee, è possibile vedere tutte le versioni precedenti e ripristinare quella desiderata.

Mac OS X 10.8 Mountain Lion
Nel luglio del 2012 ha visto la luce Mountain Lion, l'attuale versione di OS X. Include alcune funzionalità proprie di iOS come Game Center, il supporto per Messaggi (ora è possibile iniziare una conversazione su iPhone e proseguire sul Mac), Promemoria e Note, il supporto alle notifiche grazie al Centro Notifiche che appare su richiesta facendo scorrere lo schermo verso sinistra.

Mountain Lion
Mac OS X 10.8 Mountain lion e iOS 6 lavorano in sinergia su uno stesso documento di Pages
L'utente ha il pieno controllo su ciò che deve essere notificato visivamente e cosa invece non deve mai disturbarlo. Grazie all'uso estensivo di iCloud da parte delle applicazioni è possibile lavorare sui documenti indistintamente su Mac o su dispositivi iOS; è possibile iniziare una sessione di FaceTime su iPhone e proseguire su Mac; è possibile preparare la lista della spesa sul computer e, una volta al supermercato spuntare le voci su iPhone.

Approfondimenti: Sito web Apple Mac OS X
AddThis Social Bookmark Button


 
Abbonati al Feed RSS  Segui il canale YouTube  Vai al Forum di discussione
Seguici su Twitter  Diventa Fan su Facebook  Seguici su Pinterest
inApple RSS 

Inserisci la tua e-mail per ricevere via e-mail, giorno per giorno, gli articoli di
inApple:

Delivered by FeedBurner

BANNER HI-FUN

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno, accetti il servizio e gli stessi cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information